Cime di ormeggio: quali è meglio acquistare?

Per essere considerato un buon velista o diportista è necessario imparare una moltitudine di tecniche e concetti legati all’imbarcazione. Proprio per questo motivo, oggi vogliamo concentrarci sulle cime di ormeggio. Queste, infatti, sono elementi fondamentali che ci permetteranno di effettuare un buon ormeggio della barca. Infatti, questo concetto è uno di quelli che compongono il programma per superare l’esame della patente nautica

Dunque, vuoi saperne di più sulle cime di ormeggio? Continua a leggere l’articolo. 

Cosa significa ormeggiare una barca?

Quando parliamo di ormeggio di un’imbarcazione ci riferiamo alla manovra che ci permette di legare un’imbarcazione a un elemento fisso – ormeggio in un porto – o galleggiante, a un’altra imbarcazione. Pertanto, un ormeggio efficace e sicuro deve resistere a varie forze e intemperie come il vento, la marea, il moto ondoso e la corrente.

In sintesi, un buon ormeggio richiede una buona gestione della cime di ormeggio suddiviso in diverse fasi:

  • Legare una corda a una cima di traino. Durante questo passaggio la corda viene fatta passare sopra la cima. D’altra parte, nel caso in cui sia già presente un’altra cima di sartiame, quest’ultima viene aperta e fatta passare all’interno, in modo che entrambe le imbarcazioni possano uscire senza intralciarsi.
  • Fissare la poppa. Seconda azione che consiste nel far passare la poppa di una cima attraverso una bitta o un anello situato sulla banchina o sul molo e nel rendere entrambe le fruste ferme sulla nave. Nel dettaglio, questo modo di ormeggiare ha il vantaggio di rendere più facile la disormeggiatura (non c’è bisogno di aiuto).
  • Fare il giro. Qui, tenere una corda, un cavo o una catena, girandola a forma di “figura di otto” su uno qualsiasi dei dispositivi di bordo per le cime di ormeggio.
  • Stringere. Successivamente, fissare una cima, un cavo o una catena mediante nodi o torsioni, impedendo così qualsiasi movimento.
  • Raccogliere nelle insidie. Ciascuna delle spire o dei fili circolari o oblunghi di una cima, di una catena o di una vela avvolgibile è chiamata insidia.

Termini utilizzati per l’ormeggio

Per approfondire l’argomento, la prima cosa da fare è conoscere i termini principali relativi alle cime d’ormeggio:

  • Trainare. Tirare una fune, un cavo o una catena per raccoglierla a mano.
  • Tack. Tendere una fune, un cavo o una catena per raccoglierla con una macchina.
  • Tesar. Allungare una corda, un cavo o una catena in tensione.
  • Stringere. Mettere in tensione una corda, un cavo o una catena.
  • Allentare. Mollare leggermente una linea di lavoro, un cavo o una catena.

Tipi di cime di ormeggio

Esistono quattro tipi di cime di ormeggio. Tuttavia, l’utilizzo di uno dei quattro dipende dall’angolo di posizionamento rispetto all’imbarcazione.

Ormeggi lunghi

È la forma di ormeggio più comune che permette di posizionare l’imbarcazione in una posizione molto comoda e di salpare. Nello specifico, sono gli ormeggi che lavorano verso la stessa testa di quello da cui partono. Per farla breve, quelli che partono da prua lavorano verso la prua e quelli che partono da poppa lavorano verso la poppa.

Più precisamente, servono a mantenere la nave vicino all’ormeggio ed essenzialmente a prevenire gli spostamenti longitudinali della nave. Pertanto, la lunghezza a prua impedirà alla nave di spostarsi verso poppa.

Cime di ormeggio: a traverse

Questo è l’ormeggio perpendicolare alla linea di prua-poppa verso le quali può essere posizionato centralmente. Il suo scopo è quello di mantenere l’imbarcazione il più vicino possibile alla banchina e all’area di ormeggio e di impedirle di allontanarsi dalla stessa. Per cui, è molto efficace nel prevenire i movimenti trasversali.

Ormeggi spring

È la linea che chiama rispettivamente verso poppa o verso prua in modo obliquo, cioè lavora in diagonale. Lo scopo di questo sistema è quello di evitare i movimenti longitudinali nei momenti in cui l’imbarcazione si trova in posizione di navigazione.

Ormeggi a gomito

Si tratta di una cima che viene legata a prua o a poppa e che serve per ormeggiare un’imbarcazione a una boa situata in un porto o in una banchina. Dal lato opposto, se ne usa un altro, che è quello ormeggiato alla banchina. Il suo compito è quello di tenere l’imbarcazione lontana dal molo per evitare che lo scafo lo urti e subisca danni in caso di maltempo. Infine, può essere utilizzato anche come linea di supporto per lo sganciamento.

Utilizzo delle cime di ormeggio in base al vento e alla corrente

A seconda della provenienza del vento o della corrente, per l’ormeggio si devono utilizzare le seguenti cime:

  • Con corrente o vento da terra, la prima linea da dare sarà la lunghezza della prua.
  • Al contrario, in presenza di corrente o vento dal mare, la prima cima a cedere sarà il gomito di poppa

A questo punto, siamo certi che questo articolo ha risvegliato ancora di più il tuo desiderio di essere tu a governare una barca con le cime di ormeggio adatte. 

In questo senso, Nautica Store dispone di cime di ormeggio adatte a qualsiasi esigenza e ad ogni tipo di navigazione. Che aspetti? Sali a bordo.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche Codice di navigazione: 10 regole da seguire